Ricerca avanzata
Stampa

sisma: APPROVATO OGGI DAL C.D.M. IL D.L. CONTENENTE: “INTERVENTI URGENTI IN FAVORE DELLE POPOLAZIONI COLPITE DAL SISMA DEL 24.08.2016”.

Nella seduta odierna, il Consiglio dei Ministri ha approvato il testo del decreto legge riguardante le misure da adottare per la ricostruzione post sisma.

In attesa di pubblicare il testo del decreto, al momento non ancora disponibile, si segnalano alcuni dei punti più rilevanti per gli operatori economici interessati alla ricostruzione.

L’area del cratere, dove sarà concentrata la parte principale dei contributi, è limitata a 60 Comuni.

SACRICA L’ALLEGATO 1 AL DECRETO: ELENCO DEI COMUNI COLPITI DAL SISMA DEL 24.08.2016SACRICA L’ALLEGATO 1 AL DECRETO: ELENCO DEI COMUNI COLPITI DAL SISMA DEL 24.08.2016

La Governance

Ci sarà un Commissario Straordinario (nominato con DPR del 9.09.2016 nella persona di Vasco Errani) cui è affidata la responsabilità della ricostruzione in regime di gestione straordinaria che durerà fino al 31.12.2018. I Vice Commissari saranno i Presidenti delle Regioni. In ogni Regione ci sarà un Comitato Istituzionale,composto dal Presidente della Regione e dalle Province ed i Comuni.

Tra le funzioni del Commissario straordinario ci sarà il coordinamento degli interventi di ricostruzione e riparazione degli immobili privati e pubblici e l’istituzione di elenchi speciali, con il raccordo di Autorità preposte allo svolgimento delle attività di prevenzione contro le infiltrazioni della criminalità organizzata negli interventi di ricostruzione.

Gli uffici speciali per la ricostruzione

Gli uffici speciali per la ricostruzione post sisma 2016 saranno istituiti in ogni Regione e cureranno la pianificazione urbanistica e tutte le istruttorie per il rilascio di contributi e permessi legati alla ricostruzione. Avranno al loro interno uno Sportello unico attività produttive.

Invitalia – Centrale Unica di Committenza per la ricostruzione pubblica

Tutti gli appalti per la ricostruzione pubblica saranno gestiti da Invitalia (Agenzia Nazionale per l’Attrazione degli Investimenti Spa controllata dal Ministero dell’Economia) in qualità di Centrale Unica di Committenza

Criteri generali per la ricostruzione privata – mini gara

La selezione dell’impresa esecutrice dovrà avvenire attraverso procedura concorrenziale con affidamento lavori alla migliore offerta. Alla selezione potranno partecipare solo le imprese che risultano iscritte nella “Anagrafe Antimafia degli Esecutori”, in numero non inferiore a tre.

Interventi di immediata ricostruzione - Corsia veloce per i danni lievi

Per la riparazione di immobili con danni lievi è prevista un percorso burocratico più snello e rapido rispetto all'iter richiesto per gli edifici danneggiati più gravemente. L’affidamento dei lavori, in questo caso, dovrà essere effettuato da imprese che risultino in regola con le vigenti disposizioni antimafia, con Durc regolare e che abbiano presentato istanza di iscrizione alle white list presso le Prefetture. Per importi di lavoro superiori ai 150.000 euro è previsto l’obbligo della Soa per l’impresa esecutrice.

Iscrizione nell’elenco prefettizio (white list)

Gli operatori economici interessati a partecipare a qualunque titolo e per qualsiasi attività agli interventi di ricostruzione, pubblica e privata devono essere "iscritti in un apposito elenco", che probabilmente sarà denominato "Anagrafe antimafia degli esecutori".

Per accedere all’elenco gli operatori economici dovranno possederei requisiti di cui all’art. 80 del D. Lgs 50/2016 e dovranno superare con esito positivo le verifiche antimafia. Con l’istanza di iscrizione all’elenco, da presentarsi alla locale Prefettura, ciascun operatore interessato dovrà inoltre fornire informazioni complete sulla propria struttura e composizione sociale, con l’indicazione nominativa dei soci e amministratori, nonché di tutte le proprie eventuali partecipazioni in altre società, anche fiduciarie; in tale ipotesi anche le imprese partecipate devono essere iscritte nell’elenco.

Anche i subappaltatori dovranno essere iscritti all’elenco prefettizio.

Sembra, infine, che per accedere ai cantieri non basterà la richiesta di iscrizione, come è avvenuto per diverso tempo in molte prefetture italiane, ma servirà "l'avvenuta iscrizione", con valore di dodici mesi. Quindi, l'impresa dovrà richiedere l'iscrizione, sottoporsi ai controlli e attendere gli esiti delle verifiche.

Chi risulta già iscritto a un elenco tenuto da una prefettura accederà di diritto alle liste. Anche se, va tenuto conto che se l'iscrizione nella white list prefettizia risale a tre mesi prima dell'iscrizione nell'Anagrafe le verifiche andranno rifatte.

Avviso pubblico per la definizione della lista di merito delle Imprese

Al fine di garantire la massima trasparenza e tracciabilità delle attività di ricostruzione, il Commissario Straordinario emanerà un Avviso pubblico finalizzato a raccogliere le manifestazioni di interesse degli operatori economici, definendo con proprio atto i criteri generali ed i requisiti di affidabilità tecnica per l’iscrizione alla lista di merito. La lista, una volta approvata, sarà resa disponibile presso le Prefetture.

L’iscrizione alla lista di merito è subordinata all’iscrizione nell’elenco prefettizio e comunque al possesso dei requisiti di cui all’art. 80 del Codice Appalti, nonché ai requisiti di affidabilità tecnica che verranno definiti con il citato atto.

Tracciabilità dei flussi finanziari

Oltre che per le opere pubbliche, l'obbligo di inserire prevedere la clausola di tracciabilità finanziaria opererà anche nei contratti tra privati. In caso di inadempienze il contratto "è risolto di diritto".

Controlli Anac e della Corte dei Conti

Le procedure di appalto saranno sottoposte al benestare preventivo dell'Anac ed al controllo della Corte dei Conti. Le modalità per l'esecuzione delle verifiche Anac saranno disciplinate da un accordo a tre tra il presidente dell'Autorità Raffaele Cantone, il commissario per la ricostruzione Vasco Errani e Invitalia che svolgerà il ruolo di centrale unica appaltante.

Albo professionisti

Nasce uno speciale albo professionisti "per garantire la massima trasparenza" nell'affidamento degli incarichi di progettazione e direzione lavori. L'albo sarà tenuto dal commissario e solo i progettisti iscritti nell'elenco potranno ottenere gli incarichi. Per l'iscrizione sarà necessario esibire un Durc regolare.

 

 

App Confindustria

app.png
La nuova app di Confindustria Macerata semplice e gratuita.
apple.png
play.png

Ultimo video

Ultime News