logo

ACQUE: Comunicazione per gli scarichi di acque reflue assimilate alle domestiche in pubblica fognature

Stampa
- Ambiente

La disciplina degli scarichi di acque reflue assimilate alle domestiche recapitanti in pubblica fognatura, esce dal regime dell’”autorizzazione” e viene assoggettato al regime della “comunicazione”.

E’ quanto stabilito dalla Regione Marche con DGR n. 1278 del 30/10/2017, che modifica l’art. 28 delle NTA dal Pano di tutela delle Acque della Regione Marche, in relazione all’obbligo di ottenere autorizzazioni esplicite per lo scarico ne

lle reti fognarie dei reflui prodotti da attività d’impresa e di servizio senza distinzione tra acque assimilate alle domestiche e industriali.

A seguito dell’entrata in vigore del D.Lgs. 222/2016, che ha introdotto a livello nazionale modifiche rilevanti per la presentazione di istanze, dichiarazioni e comunicazioni, è stata segnalata l’esigenza di adeguare e semplificare gli iter procedurali previsti dalle NTA del PTA.

Le Regione Marche, accogliendo le nostre richieste, ha stabilito che per gli scarichi di acque reflue assimilate alle domestiche recapitanti in pubblica fognatura, comprese tra queste anche le acque reflue dei servizi igienici da insediamenti adibiti ad attività di produzione di beni e servizi, non sussiste l’obbligo di richiedere alcuna autorizzazione ai sensi dell’art. 124 comma1 del D.Lgs. 152/06, e pertanto neppure di richiedere l’AUA. E’ necessario inviare una “comunicazione” all’autorità competente tramite il SUAP.

E’ stato inoltre chiarito che:

  • è fatta salva la facoltà del gestore di avvalersi dell’AUA nel caso in cui l’attività svolta presso lo stabilimento produca esclusivamente uno scarico di reflui assimilati ai domestici recapitanti in pubblica fognatura, fermo restante l’obbligo della presentazione della “comunicazione”.
  • Il gestore deve nel caso in cui lo svolgimento dell’attività necessiti di titoli ambientali soggetti ad autorizzazione ed indicati dal DPR 59/13 art 3 comma 1. In tal caso l’autorizzazione allo scarico di acque reflue assimilate alle domestiche recapitanti in pubblica fognatura, se prevista, deve essere compresa nell’istanza AUA.

La modulistica, adeguata alla comunicazione semplificata, sarà adottata con successivo provvedimento da parte del dirigente della PF competente.

 

Il Direttore

Dott. Gianni Niccolò

 

INFO:

Dott.ssa Paola Bara      

Tel. 0733.27941 / 331.1921246  

E-mail: bara@confindustriamacerata.it      

Share