Ricerca avanzata
Stampa

Misure di sostegno finanziario alle micro, piccole e medie imprese colpite dall’epidemia di COVID-19

Misure di sostegno finanziario alle micro, piccole e medie imprese colpite dall’epidemia di COVID-19

ll Decreto n. 18/2020 prevede limiti alla revoca degli affidamenti bancari, la sospensione dei pagamenti di mutui e leasing e il potenziamento del Fondo di Garanzia.

Moratoria ex lege: limiti alla revoca di affidamenti e sospensioni mutui (art. 56)

Le PMIaventi sede in Italia con esposizioni debitorie "in bonis", previa comunicazione a banche e intermediari finanziari, corredata da autocertificazione (DPR 445/2000) in cui si dichiara di "aver subito in via temporanea carenze di liquidità quale conseguenza diretta della diffusione dell’epidemia da COVID-19", possono avvalersi delle seguenti misure:

Tipologia di affidamento Misura di sostegno elementi accessori, oneri aggiuntivi

aperture di credito a revoca (scoperti in c/c) e prestiti accordati a fronte di anticipi su crediti esistenti alla data del 29 febbraio 2020

(anticipo Ri.Ba/Fatture/ Export/Contratti)

non possono essere revocati dal fino al 30 settembre 2020, neanche per la parte non ancora utilizzata  
prestiti non rateali con scadenza prima del 30 settembre 2020 (ad es. finanziamenti bullet) sono prorogati fino al 30 settembre 2020 e alle medesime condizioni i prestiti sono prorogati unitamente ai rispettivi elementi accessori e senza alcuna formalità e oneri aggiuntivi
rate di finanziamenti e canoni di leasing in scadenza prima del 30 settembre 2020 sospeso fino al 30 settembre 2020 il pagamento delle rate e dei canoni di leasing

il piano di rimborso viene dilazionato, unitamente agli elementi accessori e senza alcuna formalità e oneri aggiuntivi; è facoltà delle imprese richiedere di sospendere soltanto i rimborsi in conto capitale.

Su richiesta del finanziatore, che deve indicare l’importo massimo garantito, il Fondo di Garanzia per le PMI concede senza valutazione e gratuitamente una garanzia del 33%:

  • sul maggiore utilizzo, alla data del 30 settembre 2020, degli affidamenti a revoca rispetto all’importo utilizzato al 18 marzo 2020;
  • sui prestiti non rateali;
  • sulle singole rate e canoni sospesi.

 

Fondo di Garanzia per le PMI (Art. 49)

Alle PMIcon sede in Italia la garanzia del Fondo, per 9 mesi,

  • è concessa gratuitamente;
  • l'importo massimo garantito è elevato da 2,5 a 5 milioni di euro;
  • con una percentuale di copertura per la garanzia diretta dell'80% (90% per la riassicurazione dell’importo garantito dai Confidi) per tutte le operazioni su tutte le operazioni con importo massimo garantito fino a 1,5 milioni di euro;
  • l’accesso al Fondo sarà determinato esclusivamente sulla base del modulo economico-finanziario, quindi senza tenere conto della Centrale Rischi. Saranno in ogni caso escluse le imprese con esposizioni classificate come “sofferenze” o “inadempienze probabili” secondo la disciplina bancaria o che rientrino nella nozione di “impresa in difficoltà” ai sensi della normativa comunitaria (ricordiamo che il rating MCC è calcolabile tramite Bancopass, scegliendo alla richiesta  "Selezionare Centrale Rischi" l'opzione "Nessuna");
  • possono beneficiare della garanzia anche operazioni di rinegoziazione del debito del soggetto beneficiario, purché il nuovo finanziamento preveda l'erogazione di credito aggiuntivo di almeno il 10% dell'importo del debito residuo;
  • possibilità di cumulo con altre garanzie per i settori turistico - alberghiero e delle attività immobiliari su operazioni di investimento con durata minima di 10 anni e di importo superiore a 500.000 euro.

Ulteriori misure di sostegno finanziario alle imprese.

È stata prevista, in linea con quanto sollecitato da Confindustria, la possibilità che con decreto del MEF di concerto con il MISE siano introdotte ulteriori misure di sostegno finanziario alle imprese, anche grandi, nella forma di finanziamenti agevolati e di garanzie fino al 90%. Una misura di supporto alle imprese danneggiate che non accedono al Fondo di garanzia sarà attivata attraverso la Cassa Depositi e Prestiti.

 

Il Direttore

Dott. Gianni Niccolò

 

Per informazioni dott. Lorenzo Giampaoli tel. 0733 279692

 

App Confindustria

app.png
La nuova app di Confindustria Macerata semplice e gratuita.
apple.png
play.png

Ultime News